TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 11 giugno 2010

LA DEMODITTATURA DI BERLUSCONI


 Se sarà varata la Legge avverso la libertà di 'informazione, possiamo affermare di essere in una condizione di governance definibile "democrazia dittatoriale". Inizia a prendere forma nelle menti degli Italiani l'idea di doversi ribellare quanto prima, per la seconda volta a un Governo repressivo. Mai avremmo potuto pensare di dover temere ancora una volta per la Nostra Libertà.
 La libertà di pensiero, di parola e d'informazione nella nostra Nazione inizia a venire meno. Il terrore di dover subire una così grave repressione sta sconvolgendo la vita degli Italiani e, mi riferisco in particolar modo al settore del giornalismo, il quale, subirebbe dalla Legge c.d. BAVAGLIO un danno economico devastante. Il Governo non si rende conto di quali saranno le conseguenze di una così assurda legge anti democratica. Oltre a riportare l'Italia indietro di 65 anni,  procurerà migliaia di disoccupati nel settore giornalistico e altrettanti nell'indotto (questi danni economici Tremonti li ha considerati?). Vista la cocciutaggine del Governo a voler varare questa scellerata Legge, sembrerebbe che, dell'aumento della disoccupazione non glie ne freghi un cazzo, l'unico obiettivo è quello di pararsi il culo dalle intercettazioni e dalla gogna mediatica, come se dovessero governare vita natural durante.
Non si sono resi conto che l'impopolarità di questo Governo Berlusconi ha raggiunto l'apice e quindi di conseguenza ha d'avanti a se poco futuro.