TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 4 agosto 2010

REGGIO CALABRIA: MASSACRATI DALLE TASSE ANCHE GLI ANZIANI PENSIONATI SOCIALI

     Trovata la formula per fare cassa al Comune di Reggio Calabria.
La demenziale trovata del Governo Berlusconi di eliminare l'I.C.I. dalla prima casa funzionò bene come trovata per la campagna elettorale del Cavaliere, il popolo ignaro del dramma economico che li avrebbe colpiti in futuro, trovò l'idea molto interessante, anche se in buona sostanza il risparmio  massimo è stato di 100 Euro l'anno. Adesso, signori, si paga il conto! Gli aumenti delle tariffe per la fornitura dell'acqua c.d. potabile e la TARSU sono del 100%, si gioca al massacro economico per le famiglie meno abbienti e per i pensionati sociali che sopravvivono con appena 500 Euro al mese. 
Non è ammisibile che i danni dei politici li debbano pagare sempre i Cittadini più poveri.
Trovare i soldi per fare cassa, aumentando in maniera sconsiderata le tariffe dei servizi essenziali è da criminali.
Speriamo che i Cittadini massacrati oggi dagli aumenti, si ricordino del male subito nel momento di esprimere il voto alle prossime elezioni Amministrative. I politici di questo stampo devono essere politicamente annientati, non sono degni di rappresentare la gente onesta, costretta ad enormi sacrifici per colpa di amministratori inetti.
Bisognerebbe ripristinare la pena di morte per gli amministratori  rei di incapacità che, producono danni alle classi sociali più povere.