TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

martedì 28 settembre 2010

ATTENTI A QUEI DUE: BOSSI - BERLUSCONI E L'EQUIVOCO FEDERALISTA




     Il federalismo alla Bossi, avallato per ovvi motivi oportunistici da Berlusconi,  è molto pericoloso.
Il fenomeno leghista e le minacce quotidiane secessioniste di Bossi conquistano i titoli dei giornali, fortunatamente meno la popolazione del Nord. 
Mai potrà essere messa in discussione l'Unità Nazionale, non esiste alcun motivo logico che possa far ritenere la secessione una cosa possibile o ammissibile.
Bossi è cosciente che mai potrà avvenire una divisione dell'Italia, però fa ugualmente uso di una politica mostruosa che ha convinto un settore della popolazione settentrionale (ovviamente italiani di scarto)  ad appoggiarlo nelle sue idee demenziali.
Certamente,  gli avvenimenti della politica italiana hanno lasciato negli italiani del vuoto dove prima esisteva la grande idea patriottica e il grande senso di solidarietà che, ci ha sempre contraddistinti nel mondo.
Sposare l'idea mostruosa di Bossi equivale a peggiorare le cose in Italia.
Purtroppo, la vicinanza di Berlusconi  al pulenta, rappresentante del carroccio, appare come l'avallo sconsiderato all'idea secessionista di Bossi.
Non si va in Europa con la padania, ma con l'Italia intera, questo concetto Berlusconi deve ficcarselo bene in testa.
L'incoscienza  di Bossi è un'arma politica puntata contro la stabilità e l'unione dell'Italia. Berlusconi, abbracciando l'idea secessionista del pulenta, è responsabile tanto quanto Bossi  della crisi socio-politica- economica Italiana. A questo punto è necessario neutralizzare politicamente in maniera definitiva i due veri respondabili del disatro Italiano, altrimenti, rischiamo veramente di venire inghiottiti da un regime guidato da matti. L'Italia non può essere amministrata da soggetti devastatori dell'Unità e della Democrazia. L'idea di federalismo fiscale per come pensato da Bossi e Berlusconi  speriamo non arrivi mai, altrimenti sarà veramente la fine.
Sarà la fine perchè dietro l'idea dei due compari, si cela un teorema mostruoso, secessionista, volto a dividere l'Italia in due categorie sociali, Patrizi e Plebei, un vero passo indietro nei secoli.
Oramai è palese e tutto lo dimosta, che questo governo è totalmente incapace di amministrare la  Nazione.
L'attuale maggioranza è composta da soggetti privi delle capacità intellettive necessarie per governare un popolo di una grande Nazione quale l'Italia. 
Dalla scesa, in campo politico di Bossi e Berlusconi, tutto in Italia  è cabiato in peggio. Adesso è ora di prendere dei seri provvedimenti, di agire secondo i canoni del buon cristiano, e dei sani  principi patriottici, riprendendoci il maltolto con l'arma del voto, indirizzandola contro chi finora ci ha  preso per il culo e, annientandolo, facendo spazio a una Classe politica nuova, degna di rappresentarci in maniera Democratica, con una politica  Solidale, mirata solamente al bene degli Italiani e dell'Italia tutta: "Una, Indivisibile, Democratica e Cristiana"