TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

giovedì 16 settembre 2010

CONTINUA LA CORSA AL RIALZO DELLE POLIZZE RC AUTO: FALLIMENTO DELLA LIBERALIZZAZIONE

        Continua ad aumentare il prezzo delle polizze per  l'assicurazione auto, nell'idifferenza totale dell'ISVAP e del Garante.
 Nonostante le riforme e le liberalizzazioni di questi ultimi anni, i premi che le compagnie di assicurazione applicano sulla polizza di responsabilità civile per l'auto, non fanno altro che aumentare. Cosa fa l'Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato (Antitrust)? Perchè non avvia un'indagine conoscitiva per individuare quali sono i problemi che portano il costo delle polizze al rialzo e non al ribasso?  La beralizzzione doveva incentivare la competizione sul mercato con conseguenti benefici e ricadute positive a favore degli utenti finali.  Invece gli automobilisti sono continuamente da anni vessati  e costretti a pagare aumenti illegali esorbitanti  e tra l'altro, devono far fronte anche ai rincari a catena per benzina e diesel unitamente ai costi di riparazione e manutenzione visto che molte famiglie tengono la macchina vecchia in quanto non in possesso dei soldi sufficienti per poterne comprare una nuova.
La liberalizzazione di molti prodotti, anche di prima necessità (vedi  il pane) ha prodotto l'esatto contrario di quanto era stato previsto dall'allora Governo Prodi, oggi con il Governo Berlusconi le cose sono ulteriormente peggiorate e, se ci mettiamo la riduzione del potere d'acquisto sorta con la nuova maledetta moneta Euro,  non è difficile capire del perchè l'economia italiana è un disastro.
La soluzione del problema è molto semplice, ma tutto lascia pensare che ci siano degli interessi tali da parte di soggetti anche politici, affinchè le cose rimangano come sono, favorendo la speculazione, a discapito delle  famiglie italiane, che, oggi versano in condizioni economiche da terzo mondo. 
Perchè è così difficile per i politici governanti capire quali sono le problematiche importanti da affrontare? Com'è possibile che il Ministro dell'econimia  che, per giunta è un esperto economista, non riesca a capire che con pochi e semplici  interventi mirarti si potrebbe risolvere in brevissimo tempo la crisi economica italiana?  Ma siamo veramente governati da  incapaci? O siamo governati da farabbutti con l'unico interesse di arraffare il più possibile dalle attività private nelle quali hanno delle partecipazioni importanti??