TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

giovedì 30 dicembre 2010

LA REGIONE CALABRIA E I VOUCHER FORMATIVI : Legge Regionale 12 giugno 2009, n.19, Art. 8 - TANTO FUMO NIENTE ARROSTO

  
        Soltanto parole e tasse. Questi, al momento, i risultati della Gestione Scopelliti nella Regione Calabria
Ancora nessun beneficio tangibile per i Calabresi, sopratutto per i meno abbienti e per i  giovani disoccupati che aspettano ancora, dopo più di un anno, la concessione dei Voucher formativi.
Nonostante le graduatorie siano state pubblicate da oltre un anno, tutto è fermo, tutto tace. Gli Uffici Provinciali e Regionali si scaricano le responsabilità del ritado a vicenda, mentre la Regione continua a bandire manifestazioni d' interesse e forme di aiuto sociale per i disoccupati che, probabilmente non andranno mai a buon fine, visto il risultato pessimo dei VOUCHER FORMATIVI istituiti con la  Legge Regionale 12 giugno 2009, n.19, Art. 8.
 Per il momento tanto fumo e niente arrosto, cosa porterà a compimento questa Giunta Scopelliti?  In quali benefici  possiamo sperare? Al momento solo chiacchiere e tasse. L’Assessore al Bilancio e Programmazione Comunitaria Giacomo Mancini, dichiara di essere molto soddisfatto per  la promulgazione della Legge di bilancio e l’approvazione in Giunta della delibera tecnica di attuazione.“Per la prima volta in quarantuno anni di regionalismo la Calabria ha una legge di bilancio prima della fine dell'anno". Queste sono state le parole dell'Assessore al Bilancio - dopo che il 22 dicembre scorso il Consiglio Regionale ha approvato il bilancio di previsione e la finanziaria per il 2011, "Mai in tutta la storia regionale calabrese erano stati rispettati questi tempi, scanditi dalle norme statali e regionali.” ha dichiarato Mancini. Però, si limita soltanto all'autoreferenzialità per l'approvazione in tempi record della Legge Finanziaria. Sorvolando sulla concretezza della Legge stessa che, ha introdotto tagli, aumenti delle ritenute fiscali e delle tasse esistenti,  introducendone anche una nuova:  L'IRBA, Imposta Regionale sulla benzina per autotrazione. 
Facile come bere un bicchiere d'aqua. Una Legge di bilancio così strutturata riuscirebbero a farla anche i bambini in un pomeriggio ugioso. Povera Calabria! chissà quale destino atroce ti aspetta! Altro che "grande progetto". Per i Calabresi meno abbienti si prospetta un grande disastro economico. I politicanti  addebitano le responsabilità della crisi socio-economica regionale ad organismi illegali. Ma cosa c'entra? Cosa avrebbero a che fare soggetti esterni alla vita politica Regionale con il disinteresse politico che regna nei confronti della collettività? Per mettersi la coscienza a posto non basta promettere grandi interventi quando poi si realizzano piccole cose. I Calabresi hanno necessità di lavorare, di curarsi, di studiare. Hanno il diritto di usufruire dei servizi in misura ottimale e non assistenzialistica sussidiaria. I Calabresi vogliono crescere nella propria terra, vogliono produrre sfruttando le risorse naturali. I Calabresi non vogliono il bonus da Mille Euro una-tantum ma, vogliono guadagnare Mille Euro ogni mese lavorando, per poter vivere dignitosamente.    
Quando la politica riuscirà a soddisfare in modo decente tutte le necessità del Popolo Calabrese potrà vantarsi di aver realizzato un grande progetto, altrimenti l'unico vanto potrà essere soltanto quello di non essere capaci di governare come si deve.