TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 16 febbraio 2011

SANREMO SHOCK: CONDUZIONE ORRIBILE E CANZONI ESASPERANTI

        

        Un festival così non si era mai visto. Un vero shock per gli amanti della buona  musica italiana, rimasti allibiti nell'ascoltare brani di così pessima fattura. Cosa sta succedendo agli Autori? Si sono rincoglioniti di colpo? Hanno perso il filone dell'arte musicale? La canzone italiana precipita sempre più nell'indecenza e nel cattivo gusto. Orribili parole e pessime melodie hanno disgustato gli italiani amanti del festival di Sanremo.
Quest'anno il festival ha veramente toccato il fondo, perchè, alle pessime canzoni si è sommata anche una pessima conduzione. L'impacciato Morandi cercava sostegno nella squadra che, nonostante gli sforzi immani per apparire professionale è riuscita soltanto a suscitare la pietà del pubblico.
La ricetta vincente per la buona riuscita del festival è sempre stata e dovrebbe continuare ad essere la semplicità e la genuinità, un festival all'insegna dei colori e dei profumi naturali dei fiori di Sanremo e delle orecchiabili melodie che accompagnano semplici e gentilii testi che cantano l'italianità.
Niente di tutto questo per quanto riguarda la prima serata, dove i Big si sono esibiti cantando come si suol dire "da cani". Solo il duo Luca Barbarossa e Raquel del Rosario con il brano "fino in fondo" sono stati in grado di dare al pubblico quello che si aspettava.
Speriamo che la categoria giovani siano in grado di recuperare la tradizione del festival, dando agli Italiani amanti della musica la soddisfazione di ascoltare melodie e parole degne di un festival che è sempre stato unico al mondo.