TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 16 marzo 2011

REGGIO CALABRIA: QUALE POSTO NELLA CLASSIFICA DEL DEGRADO ?

     

        Negli ultimi otto anni, la città di Reggio Calabria ha subito un evidente declino che tutti speravano non avvenisse. Il grande cambiamento prospettato già nella prima legislatura dal neo eletto Sindaco Giuseppe Scopelliti non è avvenuto. Solo pochi interventi partoriti con lunghi travagli hanno visto la luce, alcuni dei quali, dopo quasi dieci anni non sono stati ultimati, divenendo addirittura causa di disagio economico e sociale (vedi ultimo tratto del Tapis-Roulant, Centro Agroalimentare di Mortara, Arena Lido, Torre Nervi, Ecolandia,  Rotatorie, Viabilità Urbana, ecc.ecc.).  Certo, la filosofia è stata quella di fare una buona campagna elettorale, promettendo un cambiamento che, sostanzialmente c'è stato, ma purtroppo in Pejus. Uno sviluppo risoluto e compiuto, veramente tangibile, non è avvenuto e non avverrà mai, se ha governare questa Città saranno sempre persone dotate di modeste capacità intellettive e  poco avvezze al bene di Reggio Calabria. Lontani dalla logica del campanilismo disinteressato. Non è utopistico pensare di riportare la Città al pristino stato, è diabolico invece pensare di sfruttare Reggio per il raggiungimento di scopi personali, a volte alleandosi opportunamente con soggetti che hanno il solo unico scopo di lucrare il più possibile, non curandosi minimamente delle drammatiche conseguenze prodotte alla Città e ai Cittadini. Il centro storico meno, ma tutte le zone periferiche  versano in uno stato di abbandono a dir poco raccapricciante. Compiendo addirittura enormi passi in regresso.   L’abbandono ed il degrado della periferia di Reggio Calabria è  sotto gli occhi di tutti, soprattutto degli Amministratori che ovviamente fanno finta di non vedere. La stupida presunzione e l’insana l’arroganza degli Amministratori Reggini  ha fatto si che in questi ultimi dieci anni la Città perdesse le originarie caratteristiche storiche e culturali, le tradizioni e gli usi centenari (vedi carri dei fiori, carri allegorici carnascialeschi, varette, Fiere stagionali,   ecc, ecc,) che facevano di Reggio in alcuni periodi dell'anno una meta interessante, visitata da migliaia di persone, provenienti dalle altre Province, sia calabresi che siciliane. Il protrarsi di due legislature  consecutive guidate dal Sindaco Giuseppe Scopelliti non è stato un fatto positivo per la Città di Reggio Calabria, anzi, tutt’altro. La totale mancanza di predisposizione a  governare con virtuosità da parte del maggior numero dei componenti della Giunta Scopelliti ha fortemente penalizzato tutto il territorio. Riducendo la Città in quello che tutti oggi possono vedereAltro che "modello Reggio",  di degrado sicuramente!!.