TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

sabato 26 marzo 2011

REGIONE CALABRIA: ESTATE 2011, ANCHE QUEST'ANNO FAREMO IL BAGNO IN UN MARE DI MERDA ?


  Mancano soltanto due mesi all'apertura della stagione balneare e non si hanno notizie d'interventi concreti per l'eliminazione degli scarichi fognari in mare.
Il problema, che andava inserito della neo Giunta Scopelliti  al secondo posto dopo la sanità, nella scaletta delle priorità, è caduto nel dimenticatoio e viene come sempre a galla in piena estate, come gli stronzi di merda che galleggiano nelle acque marine calabresi.
La c.d. politica del cambiamento e del fare non si scosta di un millimetro dalle politiche passate, "tutto fumo e niente arrosto". Cambiano i musicanti ma la musica è sempre la stessa, anzi, la nuova banda sembrerebbe più stonata della precedente.
Sono costatazioni oggettive, non c'è niente di personale, ai Calabresi non gliene frega un fico secco di chi governa: tizio o caio, non fa nessuna differenza, la differenza la fanno gli interventi che, di conseguenza, se non vengono realizzati è soltanto per colpa di chi governa. 
Cosa succederà tra qualche mese? Si correà come forsennati alla ricerca di qualche panacea, utile soltanto a far confluire nelle tasche di qualche Imprenditore, magari Leghista,  alcune migliaia di Euro, per varare una dozzina di barchette pulisci mare? O interverrà come al solito la Magistratura sequestrando alcuni dei fatiscenti ed obsoleti depuratori fognari? Fatto sta che, l'estate è alle porte e anche la merda inizia a fare capolino nelle acque del mare calabrese.
Quando, l'Ente Regione avvierà una politica di intervento radicale e concreto nel settore depurazione?
Non ci si può lavare le mani diffidando i Sindaci a porre cartelli di "DIVIETO BALNEAZIONE".
Quando l'ARPACAL inizierà ad effettuare un servizio di vigilanza volto alla prevenzione e alla repressione degli scarichi abusivi?
Altro che liste chiuse Signor Governatore Scopelliti, è giunto invece il momento di aprire gli occhi ed avere il coraggio di affrontare i casi  spinosi che danneggiano veramente la Calabria e i Calabresi tutti, in particolare gli stabilimenti balneari e gli operatori turistici.
 In un mare di merda non ci verrà mai nessuno a fare il bagno.