TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 6 aprile 2011

LA MULTISERVIZI DI REGGIO CALABRIA: Daniele Romeo (PdL) Vs. Antonio Larosa (Prc). Diatriba sul c.d. "modello Reggio"



MULTIDISSERVIZI

     Il Segretario Provinciale di Rifondazione Comunista Antonio Larosa, in merito ai recenti fatti di cronaca che indicano il Direttore Operativo della Società mista Multiservizi S.p.a. Giuseppe Rechichi, quale presunto soggetto dedito ad attività illegali, accusa la ex Giunta Scopelliti di omessa vigilanza nella gestione  Multiservizi S.p.a.
Le riflessioni di Larosa inducono a una legittima domanda: Perchè Palazzo S.Giorgio rimaneva inerte di fronte al degrado della Città e alla mancata manutenzione ordinaria delle aree urbane che spetta per contratto alla Società mista di servizi?  
Come non dargli ragione, il livello di degrado urbano raggiunto oggi nella Città è ad un livello ormai inaccettabile, ovvero, insopportabile.  
Non c'è area che non sia stata lasciata al proprio destino e quando i Cittadini sollecitano un intervento al Servizio "Chiama Reggio" quasi sempre nessuno interviene, come daltronde, anche per gli altri solleciti di natura diversa (vedi guasti alla rete idrica potabile).
Oggettivamente, in questi ultimi dieci anni la Città ha risentito molto della mancanza degli interventi manutentivi ordinari e straordinari  laddove necessitavano. Non a caso la mancata manutenzione stagionale delle caditoie e dei pozzetti adibiti al convogliamento delle acque meteoriche, provoca ad ogni acquazzone ingenti danni alle aree pubbliche e a quelle private.  
Di parere contrario invece è il cosigliere del PdL Daniele Romeo, il quale dichiara: "Al fine di attaccare il Modello Reggio, il compagno Larosa dimostra di ignorare, consapevolmente o inconsapevolmente la storia della Città. Il Segretario provinciale di Rifondazione Comunista parla di intreccio tra criminalità organizzata a Palazzo San Giorgio, ma stranamente dimentica che la selezione dei soci delle società partecipate, Multiservizi compresa è avvenuta nel periodo in cui il suo partito faceva parte della maggioranza del Consiglio comunale  e Naccari Carlizzi occupava la carica di Sindaco facente funzioni".    
Sono fermamente convinto che il consigliere Daniele Romeo, il quale tra l'altro ha goduto di cospicui benefici da Palazzo San Giorgio (vedi BUR n12 DEL 1° LUGLIO 2004) quando alla poltona di Sindaco sedeva Scopelliti, non abbia molto chiara o ignori completamente come si amministri una Società Mista.  
Il Consigliere Romeo, nel mentre accusa Larosa di ignorare chi ha costituito le Società Miste a Reggio Calabria, lui stesso ignora chi sta seduto dal 9Agosto 2007 nel consiglio di amministrazione della Multiservizi.
Effettivamente i Reggini piangono nel momento in cui vengono a conoscenza di queste notizie, ma piangono di rabbia per quanti lestofanti e ignoranti  ci sono nel mondo della politica Reggina.