TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 25 maggio 2011

CARO FARMACO CALABRESE: MA QUANTO COSTI?




   Cinque Euro di Ticket per ogni ricetta sono veramente una grande batosta per gli ammalati, i quali, devono sborsare anche una percentuale sul prezzo della confezione, che varia da farmaco a farmaco, compresi i salvavita.
Il buco nella sanità Calabrese lo dovranno colmare i poveri cittadini bisognosi di cure che, oltre ai cinque Euro per ogni ricetta dovranno pagare anche una parte del prezzo del farmaco. Così ha stabilito la Regione Calabria che, noncurante della già precaria situazione economica dei calabresi meno abbienti, ha deciso di far pagare gli errori della politica agli ammalati, anche cronici, bisognosi di cure a vita.
L'ingrata e insana scelta di far ricadere il risanamento della sanità calabrese sui cittadini, mette subito in evidenza l'incapacità e la mancanza di coraggio della Giunta Regionale di affrontare il problema, evitando di colpire i più deboli.
La soluzione adottata, taglia la testa al toro e anche ai Calabresi, costretti a rinunciare magari anche al cibo per poter acquistare i medicinali utili alla sopravvivenza.
La già difficile situazione economica delle famiglie calabresi i quali pagano le tariffe più alte d'Italia a fronte dei servizi più scadenti, contribuendo oltretutto con tassazioni e addizionali alla fonte, che alleggeriscono sempre più la busta paga, viene oggi peggiorata dall'applicazione di un Ticket al limite della sopportazione economica delle famiglie meno abbienti calabresi, che, hanno ormai raggiunto la  percentuale del 45% della popolazione.
Veramente paradossale quello che sta accadendo in Calabria, nel mentre il Governatore si riempie la bocca divulgando notizie di interventi miliardari per la realizzazione di grandi opere, anche discutibili, i Calabresi non possono permettersi di comprare i farmaci per curarsi. Quale importanza da il Governatore ScopellIti alla salute delle persone?  Quale posto nella scala dei diritti viene collocato il Diritto alla Vita nella Regione Calabria?
Non credo sia difficile intuirlo.