TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

martedì 31 maggio 2011

GLI ITALIANI CHE RAGIONANO SI SONO LIBERATI DI BERLUSCONI: FINALMENTE FINIRA' LA "DEMODITTATURA"


 
    La prima dichiarazione a caldo del neo Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, è stata: "questa è la vittoria della gente che ha cervello". 
Il ragionamento ha portato gli Italiani a decidere che bisogna cambiare, che bisogna ritornare alla politica seria, alla politica dei fatti veri e concreti e non delle false promesse e delle Leggi "ad personam". Insomma, bisogna ripristinare lo stato di Diritto e la  Democrazia che, ha sempre caratterizzato l'Italia prima della scesa in politica di Berlusconi. Per dirla in breve, è giunto il momento di affondare per sempre la "Demodittatura" Berlusconiana, che, tanti danni ha provocato negli ultimi dieci anni, al Popolo Italiano.
Le bugie hanno il naso lungo, come quello del Ministro La Russa e le gambe corte, come quelle di Berlusconi. Un Governo falso e bugiardo, prima o poi viene scoperto. E così è stato!! 
Grazie a Dio, la maggior parte degli Italiani, finalmente ha capito chi è Silvio Belusconi e da quale patologia è affetto. Non a caso, gli elettori di due Citta Italiane, poste a mille chilometri di distanza l'una dall'altra (Milano e Napoli) sono giunti alla conclusione che bisogna eliminare dalla scena politica chi, per dieci anni, ha soltanto pensato di soddisfare le necessità personali e non quelle dell'intera Nazione, che, oggi, si trova a fare i conti  con una realtà pessima. Fatta di un enorme debito pubblico; di una disoccupazione che tocca il 9% su scala nazionale e il 40% al Sud. 
Nel decennio 2001-2010 l’Italia ha realizzato la performance di crescita peggiore tra tutti i paesi dell’Unione europea. L'Italia è fanalino di coda della UE, altro che "politica del fare". Sarebbe più indicato dire: La politica del fare schifo!!
Ironia della sorte (come si suol dire), il Berlusconismo muore ad Arcore, la, dov'è nato. Una bella batosta per il Cavaliere, oltre che fisica anche morale.
Lunica nota stonata di questo importante avvenimento elettorale nazionale, è il comportamento incomprensibile della maggioranza degli elettori della Provincia di Reggio Calabria, i quali, hanno preferito andare controcorrente, eleggendo sia al Comune che alla Provincia uomini del PdL. Nonostante la "Demodittatura" del Governo Berlusconi e la mala politica locale di questi ultimi dieci anni. Fatta di promesse mai mantenute, di sprechi, di strafottenza e di effimere manifestazioni "pro compare".
Per lo strano episodio  autolesionista  accaduto nella provincia di Reggio Calabria, bisogna fare un plauso, ironico ovviamente, a tutti quelli che hanno votato senza usare il cervello.