TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 18 maggio 2011

I CASINI DI CASINI: STA CON UN PIEDE A DESTRA, UNO A SINISTRA E IL CULO AL CENTRO



    Il segretario dell'UdC Lorenzo Cesa ha disertato il comizio con la candidata a Sindaco del suo partito, Dorina Bianchi, a Crotone, dopo il disgustoso spettacolo, messo in scena da Berlusconi sul palco allestito per la presentazione della candidata a Sindaco. Accusandola di non essere intervenuta in merito agli attacchi di Berlusconi a Casini.
Cesa, non è stato presente a Crotone  perché:  "Non posso accettare che un candidato sindaco designato dal mio partito non reagisca davanti alle provocazioni di un Presidente del Consiglio che attacca il leader dell'UdC", ha dichiarato con toni molto accesi.
Berlusconi ha accusato apertamente dal palco, allestito per il comizio della Bianchi, Casini e Fini, di essere la causa delle mancate riforme che aveva promesso e, nel mentre il Cavaliere accusava i suoi colleghi politici "dissidenti", Dorina Bianchi candidata dell'UdC se la rideva, non accusando nessun disagio,  immaginando già, un'amichevole e "benefica"  palpatina del Cavaliere.  Però, devo ammettere che,  il comportamento di Dorina Bianchi, non si discosta molto da quello di Pier Ferdinando Casini che, sottoscrive alleanze su tutto il territorio nazionale, a macchia di leopardo, sia con la destra, sia con la sinistra. "Le alleanze si decideranno sul territorio con i nostri dirigenti locali. In ogni caso, gli elettori sono maggiorenni e vaccinati e ognuno farà la propria scelta sul voto". Sono le dichiarazioni pubbliche del Leader dell'UdC. Ma Cesa e il Direttivo del partito cosa ne pensano di questa stramberia decisa da Casini? Non hanno nulla da ridire sul fatto che Casini stia in equilibrio politico, tenendo un piede a destra, uno a sinistra e il culo al centro? 
Le contraddizioni e le incoerenze di Casini, in questo periodo, stanno superando le cazzate divulgate  da Berlusconi.
Lo Scudocrociato, nel mentre dichiara l'assoluta autonomia, si prostituisce al miglior offerente. Loro preferiscono però chiamarle "intese", stipulate con quanti condividono il loro progetto. Ma quale progetto? Solo quello per pararsi il culo e occupare poltrone  in tutte le Regioni, senza badare molto all'etica e alle linee politiche storiche del Partito che, prima della perdità d'identità e della perdita del lume della ragione di Casini,  era un partito politico di eccellenza che agiva con la Benedizione anche del Papa.