TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

lunedì 22 agosto 2011

IL GRANDE MALE DELLA CITTA' DI REGGIO CALABRIA: LA SUPERFICIALITA' DEGLI AMMINISTRATORI

                                                             ARENA CICCIO FRANCO

     Apparte quel migliaio di "RTL-DIPENDENTI", i quali, si sentono abbastanza realizzati per il solo fatto di  aver potuto saltellare come i canguri, in uno spazio di appena 25 centimetri quadrati, alzando le mani al comando del vocalist di turno,  tutte le notti, fino alle ore 24,00, ascoltando la solita stessa esasperante scaletta musicale, riproposta ad Agosto, per 21 giorni consecutivi,  costata oltretutto, l'onorevole cifra di un milione di Euro (come se a Reggio Calabria non ci fossero radio libere). La stragrande maggioranza dei Reggini si interroga: Se non sarebbe stato meglio utilizzare nella stagione estiva  l'Arena Ciccio Franco per far esibire ogni notte artisti diversi e soprattutto Calabresi. Così facendo, oltre a risparmiare 800 mila Euro,  la Città avrebbe avuto gruppi musicali e realtà musicali diverse ed diversificate, gruppi musicali del territorio, come:  Kalafro, Mattanza, Domenico Severino, Micaela Foti, ect,..ect…, dando così, anche una possibilità economica in più a questi giovani artisti Calabresi che nulla hanno da invidiare agli artisti forestieri e che tanto si impegnano per poter dare sempre il massimo della loro performance. 
Così facendo: La cultura, gli usi e le tradizioni Calabresi potrebbero essere apprezzati oltre che dagli indigeni, anche da quella dozzina di veri turisti che si intravedono ogni tanto per le vie della Città. 
Che modo è questo di promuovere la nostra Città? Facendo esibire a suon di milioni di Euro, gente dello spettacolo proveniente dal Nord. Questa è soltanto superficialità mischiata con l' incoscienza, anzi, permettetemi un termine più appropriato: incapacità!! Si, vera e propria incapacità politica ed organizzativa, che, sommata alla superficialità degli Amministratori, producono soltanto nocumento alla nostra Città e benefici ai "compari" che gestiscono la cosa.
Nel mentre la Città  giorno dopo giorno prende sempre più le sembianze dell'ex "caserma 208", spendere un milione di Euro per far saltellare a ritmo di musica qualche migliaio di mocciosi, è da criminali.