TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

domenica 18 settembre 2011

"CHI SI OPPONE AL PONTE DELLO STRETTO E' NEMICO DELLA CALABRIA": LE DICHIARAZIONI PRO PONTE DEL CONSIGLIERE DEL PDL LUIGI FEDELE OFFENDONO L'INTELLIGENZA DEI CALABRESI ONESTI.

   
   Nessuno può permettersi di offendere l'intelligenza dei Calabresi che non condividono la realizzazione del "mostro d'acciaio", tantomeno un politico del PDL. 
Dovrebbe vergognarsi il consigliere Luigi Fedele (ma ormai lo sanno tutti che i politici hanno la faccia di bronzo e non conoscono vergogna ) ha dichiarare che: "chi è contro la realizzazione del  ponte sullo stretto non è amico della Calabria". Proprio la presunzione di chi lo sostiene, senza uno stralcio di analisi economico-sociale che comprenda un'accurato studio dei risvolti che ne scaturirebbero dalla realizzazione, vuole veramente il male della Calabria.
Chi sostiene la realizzazione del ponte sullo stretto, lo fa senza mettere in conto il rapporto tra costi e benefici e senza avere la minima idea dei danni ambientali, economici e sociali che si verrebbero a creare.
Sono soltanto i milioni di Euro degli appalti per la realizzazione di un'opera di così grande complessità a far schierare a favore chi ha le mani in pasta.
Non è difficile capire cosa spinge i politici del PDL, la Società Stretto di Messina e l'Amministratore unico dell'Anas Pietro Ciucci ad enfatizzare l'inizio dei lavori per la realizzazione del ponte. Ovviamente, si tratta degli appalti. Quegli appalti riguardanti le opere terrene che, sono già state finanziate, anche se il ponte rimarra soltanto nei sogni dell'ingenuità infantile.
Sarebbe un vero peccato perdere una  fetta di torta così succulenta e quindi, sostengono la realizzazione del ponte per il solo fatto di poter appaltare le opere stradali e ferroviarie sussidiarie al ponte, ma, completamente inutili se poi il "mostro d'acciaio" non si farà. Come si dice dalle nostre parti: "non ci voli a zzingara pi capiri" (non ci vuole la maga per capire). Ovviamente chi al momento sta dalla parte di chi governa, come il consigliere Regionale Luigi Fedele, si schiera a favore. Ma questo non gli da il diritto di affermare che chi si oppone al ponte sullo Stretto è nemico della Calabria, anzi, è  l'esatto contrario.  E' chi si schiera a favore ad essere un grande nemico della Calabria!!