TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

lunedì 19 dicembre 2011

LE STRAMPALATE DECISIONI DEL GOVERNO MONTI AFFOSSERANNO L'ECONOMIA ITALIANA



   L'economia si basa su una regola ben precisa e indiscutibile che muove da due parole "magiche" che sono: DOMANDA E OFFERTA. Il tutto gira all'interno di un meccanismo bilanciato che sta in piedi soltanto se le famiglie hanno la possibilità di spendere per comprare i beni di consumo, quelli complementari e per chi può permetterselo anche quelli di lusso.
Facendo riferimento ad un avvenimento economico ricorrente, quale, il periodo dei saldi e/o degli sconti, possiamo renderci conto empiricamente che abbassando il prezzo del bene, la  domanda aumenta vertiginosamente. Dando così  il via ad un periodo economico molto dinamico che mette in circolazione flussi di denaro notevoli.
La crisi economica italiana non è una vera e propria crisi economica dovuta a fattori commerciali, ma, soltanto il risultato di una mala politica che ha dilapidato le casse dello Stato, generando un debito pubblico impressionante. L'unico responsabile di questo disastro è il "fu" Governo Berlusconi. Le spese imponderate e gli sprechi, hanno determinato lo svuotamento delle casse pubbliche.
Oramai il guaio è compiuto e recriminare o piangere sul latte versato è inutile. Purtoppo la pena di morte in Italia è stata abolita e quindi tutti salvano la pelle, anche chi ha tradito lo Stato o rubato le sue risorse.
Il rimpinguamento delle casse dello Stato, adesso, deve passare  purtoppo per il contributo di tutti gli Italiani, i quali, dovrebbero contribuire e sottolineo dovrebbero, ognuno in proporzione alla propria possibilità, per come recita la nostra Costituzione (Articolo 53. Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva). Quasi tutti i Governi hanno sempre disatteso l'Articolo 53, obbligando gli Italiani a contribuire in egual modo indipendentemente dalle loro possibilità. Oggi più che mai il Governo tecnico Monti sta formulando una finanziaria iniqua e maldestra che porterà gli italiani, soprattutto i  monoreddito e i disoccupati sul lastrico.
E' paradossale che un Governo formato da tecnici, esperti economisti, giochi la partita mettendo in campo le regole più scellerate e infruttuose che si potessero mai mettere. Viene quasi da pensare che, siano soltanto dei deficienti buoni a nulla, arruolati dal Capo dello Stato per il solo scopo di tirare a campare fino alle prossime elezioni del 2013.
Non sortirà assolutamente nessun beneficio la manovra di Monti, anzi, peggiorerà ulteriormente la già complicata situazione del debito pubblico. Trascinando con se anche l'economia privata che, a stento riesce ancora a sostenersi, per il solo fatto che gli Italiani devono cibarsi e vestirsi.
L'esimio Prof. Monti, sta lavorando nella direzione sbagliata, i provvedimenti da prendere devono essere altri, ovvero, quelli volti nella direzione di  rilanciare l'economia di tutti i settori e, non unicamente il rimpinguo delle casse dello Stato, per giunta, soltanto con il contributo delle povere famiglie Italiane, già ridotte alla fame dalla disoccupazione e dalla speculazione dell'Euro. In questo monento, per il rilancio economico dell'intera Nazione e soprattutto degli Italiani, bisogna ridurre la spesa pubblica inerente ai 170.400 stipendi dei politici in carica su tutto il territorio nazionale, le tasse e l'età pensionabile. Se le tasse le pagano tutti (compresi gli extra comunitari "vu cumprà") che si sommano alle migliaia di evasori fiscali Italiani e se, si eliminano:  il lavoro nero e quello  abusivo, implemantando le assunzioni regolari, la situazione migliorerà in breve tempo. Questa è l'unica strada che potrà portare beneficio agli  Italiani e alle casse dello Stato, La manovra del governo Monti non è altro che l'ennesima mazzata per gli Italiani, con la peculiarità che questa sarà veramente quella mortale!!