TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 2 dicembre 2011

TRAGICA LA MANOVRA DEL GOVERNO MONTI: GLI ITALIANI FARANNO LA RIVOLUZIONE?


Super-tassa sulle barche e i beni di lusso, Irap più leggera da finanziare con un aumento dell'Iva e aumento delle aliquote Irpef di 2 (ma anche fino a 3) punti per gli scaglioni oggi al 41 e 43% che passerebbero così al 43 e 45%. Sono alcuni dei provvedimenti che il Governo Monti starebbe per varare lunedì all'interno della manovra correttiva da 20 miliardi per centrare l'obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013. Pare rinviata ad una legge delega la revisione degli estimi catastali. Immobili: oltre all'Imu, si va anche verso l'introduzione di una super Ici sulle seconde e terze case e chissà cosa troveremo ancora tra le righe della manovra. Le trappole per i contribuenti non sono mai mancate nelle manovre finanziarie. 
I risultato del Governo Berlusconi è stato pessimo, ma, altrettanto pessimo e drammatico sarà il teorema predisposto da Monti. La manovra da 20 miliardi di Euro improntata soltanto su aumenti insostenibili dal popolo, scatenerà sicuramente una rivolta civile. Il livello della pressione fiscale  ha superato ormai di gran lunga il limite della sopportazione. Le famiglie Italiane, già  provate dalla speculazione dell'Euro, dalla disoccupazione costante e dalle tasse inique, non possono più sopportare altre stangate.
Gli Italiani che vivono di solo stipendio, sono arrivati alla determinazione che soltanto una rivoluzione potrà modificare lo stato di fatto. La voce che corre ormai da tempo tra i lavoratori è quella della decisione di affrontare la mala- politica con la violenza. Gli Italiani sono ormai decisi a tutto, anche allo scontro fisico, pur di risollevare le proprie sorti. Il Governo Monti non ha capito che neanche un centesimo di Euro dovrà pesare sulle teste degli Italiani, altrimenti lo scontro sarà inevitabile.