TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

lunedì 25 giugno 2012

.....GLI "STRONZI" CI SONO ANCHE A ROMA.

      Mi sono imbattuto in una lettera pubblicata su Strill.it e ritengo meriti di essere divulgata il più possibile e quindi ho ritenuto doveroso inserirla nel mio Blog, aggiungendo semplicemente un titolo che, è anche  la mia osservazione in merito a un fatto accaduto a Roma, al giovane Rocco.  

 “Mi chiamo Rocco Frisina, ho 24 anni, e da circa 6 vivo a Roma. Ho scelto questa città come sede dei miei studi, e devo dire che fino a qualche ora fa credevo che nessuno potesse avventarsi contro di me per il semplice fatto di essere calabrese. Dopo una serata passata in centro, l’unico modo per tornare a casa(se non sei motorizzato) è l’autobus. Questo mezzo “così comodo” ci avrebbe dovuto accompagnare da flaminio alla fermata colli albani, sto parlando del famoso n1. Una volta preso tale vettore, e dopo essere arrivati a termini, nel momento esatto in cui stavamo per partire, un tizio dell’atac, ci intima di scendere, dal suddetto autobus, perchè sarebbe seguito da lì a poco un altro. Senza esitare abbiamo seguito il consiglio, e dopo aver capito che l’altro autobus era stracolmo, ho chiesto con tono incalzante, all’autista del “nuovo” vettore come mai fosse possibile una cosa del genere! Ho semplicemente espresso una mia opinione, una irrilevante domanda. PERCHE’, PERCHE’, e PERCHE’? La risposta vuole sapere qual è stata. “tornantene daddo caxx sei venuto, tornatene in calabria”...Probabilmente il mio accento non smentisce. Come dovrei sentirmi in questo momento ? Dopo che questa città, la mia città, la mia capitale, risponde ad un un suo concittadino con tono a dir poco RAZZISTA!!! Non so se questo messaggio sarà letto da qualcuno, avrei voluto scrivere in maniera diversa il tutto, però quello che conta è la sostanza. Vi prego di dare risonanza a questa segnalazione. L’autobus era il numero 5170, la targa era “da782ad” delle ore 04.05. Alla fermata Termini.”