TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 22 giugno 2012

USCIRE DALL'EURO E' INDISPENSABILE PER RISTABILIRE L'ECONOMIA IN ITALIA

  

   Chi conosce bene i Trattati sa che uscire volontariamente dall’Euro si può, anche restando nell’Unione Europea. Non si può invece essere espulsi per nessuna ragione.    

L’opinione che non si possa abbandonare la moneta unica senza lasciare anche l’Unione europea è soltanto consentita agli ignoranti. Si presuppone, dopo le dichiarazioni  pubbliche di Mario Monti: "L'Euro è irreversibile" che lui faccia parte di quella categoria di Professori economisti poco ferrati nella materia. Oppure pensa che gli Italiani siano tutti ignoranti?    

Non sono previste regole per uscire dall'Eurozona. Mentre i trattati sull’Unione contemplano le norme per l’eventuale recesso dalla Comunità di un Paese membro. Non ci sono regole ostative all’uscita dalla moneta unica. Il sistema europeo è stato disegnato per funzionare con Stati dentro e fuori dall’Euro "ergo", uscire dalla moneta unica non significa necessariamente uscire dalla Comunità.
L'eventuale uscita di una Nazione dalla moneta unica è soltanto un fatto squisitamente politico. Se ci fosse la volontà politica, basterebbe negoziare l’uscita, senza la necessità alcuna di modifiche costituzionali o stravolgimenti normativi.
Se le cose in Italia continuano così, è forse veramente giunta l'ora di dire addio all'Euro, lasciando perdere le cazzate dichiarate da Monti e le minacce della Merkel che, tanto sanno di antico nazismo. 
Una mossa della Nuova Politica, mirata al rapido abbandono dell'Euro e al ritorno della Lira, farebbe recuperare all'Italia molti punti di PIL e, l'avvenimento avrebbe oltretutto delle ripercussioni economiche benefiche globali, superiori a quelle possibili soltanto dopo una svalutazione.
La strategia della Germania, ovvero, della "filo-nazista" Merkel, tende a mantenere le Nazioni "povere" dell'Area mediterranea (Italia compresa) in una situazione economica precaria, tentando di esercitare sulla politica e sui popoli Mediterranei una specie di pressione psicologica negativa, avallata  purtroppo anche dal "super" Massone Mario Monti, mirata: Da una parte a impoverire sempre di più gli stati membri, costringendoli a pensare di uscire dall'Euro-zona, mentre dall'altra, a convincere gli stati in crisi che dall'Euro non si può più uscire, come stupidamente dichiarato anche da Monti.  Mai e poi mai, in una Comunità democratica di Stati liberi e indipendenti potrebbe venire imposta l'irreversibilità della scelta di aver accettato di aderire alla moneta unica. Tale scellerata ipotesi, si configurerebbe come l'entrata di un soggetto a far parte di una organizzazione mafiosa, dalla quale, veramente non si può più uscire.