TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

martedì 3 luglio 2012

LA VOGLIA DI UCCIDERE


  Anno dopo anno speri che la tua vita possa cambiare. Nel cassetto un sogno; quello che vorresti realizzare per dare uno scopo alla tua esistenza e soprattutto per vivere con dignità e magari anche con un po’ di legittimo orgoglio.
Fino all’età di venticinque anni sei preso dallo studio, dalla voglia di raggiungere quel traguardo tanto ambito. Poi, un giorno, inizi a fare il consuntivo della tua esistenza e, tanti dubbi iniziano a tormentarti la mente. Cominci a non essere più tanto ottimista e dubiti anche del tuo futuro. Tutto gira per il verso storto. Ti accorgi che probabilmente il tuo sogno resterà per tutta la vita chiuso in un cassetto. Le ambizioni e le velleità cominciano a trasformarsi in delusione. Ti guardi attorno, ti guardi dietro, ma non riesci più a guardare avanti. Vedi nero davanti a te, vedi soltanto cattiveria, insidie, imbrogli e raccomandazioni. Ti accorgi che gli asini fanno carriera e gli idioti stanno nei posti apicali. L’esatto contrario di quello che dovrebbe essere. La malinconia inizia a occupare il posto della voglia di fare e inizi a vedere tutto da un’altra prospettiva. Non ti senti più al centro del “ring” carico di energia, convinto di poter vincere perché sei forte, ma, ti senti alle corde, seduto all’angolo, senza più la voglia di combattere. Non hai più la voglia neanche di uscire da casa e fissi per ore tutti i tuoi libri, tutta la cultura che hai acquisito e che ti avrebbe dovuto dare una grande soddisfazione nel momento in cui avresti iniziato a lavorare. In quel momento in cui tutti i sacrifici fisici ed economici sarebbero stati riscattati dal tuo lavoro.
Purtroppo, più passa il tempo e più ti accorgi che forse nulla di tutto quello che sognavi potrà avverarsi. Allora, incomincia a crescere in te una particolare energia, una specie di rivoluzione intellettuale che ti porta a pensare cose che non avresti mai immaginato di pensare. La rabbia e la disperazione ti portano a pensare di uccidere. Ti viene voglia di sterminare tutti quelli che ostacolano il tuo percorso, come fosse un gioco alla “play-station”.  Ti viene voglia di distruggere il perverso sistema che premia i peggiori e lascia fuori dal gioco i migliori. Ti viene voglia di uccidere tutti quelli che ti hanno tradito e quelli che ti hanno illuso.
Non è una bella cosa pensare di uccidere chi ti ha fatto del male, ma se serve a farti stare meglio, pensalo senza indugio.