TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

martedì 28 agosto 2012

UNA GRANDE VERGOGNA: IL MERCATO ORTOFRUTTICOLO DI MORTARA


  
    L’emblema della disattenzione politica verso la Città di Reggio Calabria si chiama: “Mercato Ortofrutticolo di Mortara”.
L’incapacità e l’inettitudine, ovvero, la strafottenza dei rappresentanti politici di questa Città è palesemente constatabile dallo stato di degrado sociale e ambientale in cui versa Reggio Calabria.
Viviamo in un clima di totale disattenzione politica nei confronti del tessuto sociale e dell’ambiente.
Passano gli anni e le cose peggiorano. Alcuni interventi dichiarati prioritari durante la campagna elettorale dall’allora candidato a Sindaco Giuseppe Scopelliti non sono mai stati realizzati e tutto continua a versare nell’abbandono totale.  
Sono passati dodici anni, due complete legislature di Scopelliti e un terzo di quella di Arena, ma di miglioramenti neanche l’ombra. Tutto è rimasto com’era e il livello del degrado è ormai sotto gli occhi rassegnati di tutti i Reggini che, altro non possono fare, se non quello di maledire il giorno in cui hanno votato prima Scopelliti e poi Arena.
L’ex caserma 208; l’ex Rione San brunello; l’ex caserma Lazzaretto e si potrebbe continuare all’infinito nell’annoverare le aree degradate e abbandonate di questa Città, senza tralasciare ovviamente la viabilità e tutti i disservizi quotidiani.
Si fa molto prima a elencare quelle “quattro” cose ancora (si fa per dire) in buono stato. Ma, la cosa che fa più rabbia, è vedere lo stato in cui versa il Mercato Ortofrutticolo di Mortara. Per la quale mancata ultimazione dei lavori nei tempi previsti, si potrebbero ipotizzare nei confronti dei politici di turno che si sono susseguiti, moltissime responsabilità, anche di carattere penale. 
Una tale struttura, d'importanza strategica per lo sviluppo economico dell’imprenditoria ortofrutticola nella Città, dovrebbe essere urgentemente ultimata e collaudata, in maniera tale da essere consegnata ufficialmente, il più presto possibile, agli operatori commerciali del settore che ne hanno tantissimo bisogno. I quali, per le necessità oggettive che tutti conosciamo, hanno dovuto occupare abusivamente la struttura, con tutti i disagi che ne conseguono: mancanza di energia elettrica, mancanza di servizi igienici, mancanza di viabilità e parcheggi, mancanza della copertura della struttura centrale e tanto altro ancora.   
IL Mercato Ortofrutticolo di Mortara sta diventando l’emblema di una vergognosa disattenzione della classe politica reggina. I commercianti, i lavoratori del settore e le persone che sin dalle prime ore del mattino si recano ai mercati per acquistare la merce, devono affrontare rischi e pericoli di ogni genere, legati alla incompletezza della struttura mercatale e delle infrastrutture circostanti.
Non ci possono essere giustificazioni per il comportamento d’indifferenza tenuto dalla classe politica locale Reggina e di quella Provinciale e Regionale (d'altronde tutte e tre le Amministrazioni sono fatte della stessa pasta), verso il grave problema. Abbandonare ad un crudele destino una categoria commerciale di grande importanza per la collettività e per l’economia prodotta sia dal settore primario sia dall’indotto, è un comportamento indegno, soprattutto se è il prodotto di una classe politica che si propone come “Modello” per  una Città “Metropolitana” .
Allo stato di fatto, l’unico “Modello” che possiamo vantare è quello della vergogna assoluta e dell’indignazione per la strafottenza e la noncuranza verso un problema che ha la necessità di essere risolto immediatamente a tutti i costi.