TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 19 settembre 2012

"Reggio rivendica il suo ruolo"



  Si contrappone al “Modello Reggio” o lo sostiene? Non si è ben capito chi siano e cosa vogliono.
L’ambiguità del motto: “Reggio rivendica il suo ruolo”, coniato in questi giorni da un gruppo di persone che hanno deciso di produrre un manifesto, da affiggere sui muri della Città (speriamo lo facciano soltanto negli spazi pubblicitari autorizzati) come forma di protesta, ribadendo l’esigenza di contrastare la ndrangheta che, a loro dire, condiziona la vita della nostra città'.
Allora siamo veramente la Città di Giufà!! Se, un migliaio di persone, firmatarie di un manifesto, proclamatore di non si capisce bene cosa, credono di impersonare la Città di Reggio Calabria.
La Città appare come appare e soltanto chi non vuol vedere non vede.
Sono stati i dieci anni di mala gestione Scopelliti e l’attuale del Sindaco Arena a ridurre la Città nello stato in cui si trova. Altro che Ndrangheta o Mafia!! Diamo a Cesare quel che è di Cesare, senza tirare in ballo responsabilità che sono marginali.
Il vero male della Città di Reggio Calabria ha corpo e anima e si chiama: “politici lestofanti”.
Sono stati loro a ridurre la Città nello stato pietoso in cui si trova. 
Signori firmatari del proclama: “Reggio rivendica il suo ruolo”, non andate a caccia di streghe. Se volete essere utili alla causa, non siate ambigui e ipocriti. Rivolgete le vostre lagnanze nei confronti dei veri responsabili del declino di Reggio. Come fate a non capire da quale parte viene il male? Eppure, siete persone di cultura e di scienza. Dovreste saper riconoscere il bene dal male e i buoni dai cattivi. Se volete veramente essere utili alla Società e non fare i "Don Chisciotte", riservate le vostre risorse e le vostre energie per generare, quando sarà il momento, una classe politica degna di essere chiamata tale che, vi possa e ci possa rappresentare nel migliore dei modi, Lasciate perdere gli “slogans” ambigui e incomprensibili che creano soltanto confusione e separazioni sociali che non fanno assolutamente bene alla nostra Città.
Per concludere: sono tutti i Reggini onesti e laboriosi a rivendicare il proprio ruolo. Quel ruolo che spetta di diritto a tutti i Cittadini rispettosi delle regole che,  non si sottraggono mai ai loro doveri,  ma che  vorrebbero però vedere rispettati alla stessa maniera i propri diritti.