TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

giovedì 8 novembre 2012

"MODELLO REGGIO": SINONIMO DI INDECENZA

 

    
Cosa sarà mai questo "Modello Reggio", inventato da Giuseppe Scopelliti e tanto enfatizzato dal centrodestra Calabrese? Questa è la domanda che si pongono moltissimi Italiani, ovviamente, quelli che non conoscono le reali condizioni della città di Reggio Calabria, ovvero, quelli che non hanno mai avuto la sfortuna di visitarla in quest'ultimo decennio.
Nell'ambito delle singole scienze il termine modello assume di volta in volta connotazioni più specifiche, ma nel caso della Città di Reggio Calabria sta a significare soltanto una cosa: il sinonimo di "indecenza". 
Vi sembrerà strano o irreale, ma è proprio così. Lo stato in cui versa oggi questa Città è veramente pessimo. 
La mala politica, capeggiata da Giuseppe Scopelliti, eletto Sindaco della Città nel 2002, ha stravolto il volto della bella e gentile Reggio, trasformadola in una specie di periferia del Bronx. L’antica originalità della Città è venuta meno, giorno dopo giorno, per colpa della cattiva gestione dei servizi e degli scellerati progetti approvati dalla Giunta Scopelliti.
Lo stato attuale d'indecenza strazia il cuore di chi ha ancora memoria della bella Reggio. Della meravigliosa, splendida e profumata Città della fata Morgana. 
Non si può certo affermare che l'ex Sindaco Arena, sia intervenuto con fermezza per porre fine a quel processo distruttivo e devastante iniziato da Scopelliti. Il suo strettissimo legame di complicità con "Peppe" l’ha obbligato ha continuare l'opera malvagia, iniziata dal suo predecessore. 
Il risultato ottenuto è sotto gli occhi di tutti e, non ci possono essere giustificazioni, né tanto meno indulgenze, per i responsabili di tale irreversibile scempio. Purtroppo, a pagare il prezzo più caro sono i Reggini e, non ci può essere condanna che ci possa dare giustizia, per il male fatto alla nostra Città. 
Adesso, serve tantissima buona volontà e altrettanti nuovi Amministratori onesti e liberi da ogni legame che possa loro ostacolare o condizionare il percorso politico, per il recupero urbanistico, economico e sociale della Città.