TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 16 novembre 2012

Tagli alla sanità privata: rischiano di chiudere in Calabria il 90% delle cliniche private



 La geografia degli ospedali Calabresi è destinata a cambiare pesantemente. L'ultimo giro di vite del ministro Renato Balduzzi sull'offerta di cure a livello ospedaliero è ancora più energico, a discapito della salute pubblica.  Nel taglio della spesa sanitaria Nazionale infatti, non c'è solo la diminuzione di oltre settemila posti letto, come previsto dalla spending review . In discussione c'è anche il rischio di chiusura degli ospedali privati accreditati (e, dunque, equivalenti ai pubblici per la gratuità delle cure). Sono quelli con meno di 80 posti letto. La loro estromissione dal sistema sanitario è prevista dalla bozza di regolamento sulla riorganizzazione della rete ospedaliera appena stilata dal ministro Balduzzi, di concerto con il ministro dell'Economia Vittorio Grilli. Adesso, in Calabria rischiano di chiudere il 90% delle strutture private accreditate.  Lo scenario che si apre è drammatico, soprattutto per noi Calabresi che abbiamo una Sanità Pubblica malata che,  a volte, non riesce neppure a garantire i Day Hospital. L'elenco ufficiale delle strutture Calabresi che dovrebbero chiudere sarà presto reso pubblico. La soluzione sarebbe quella di accorpare le cliniche private con meno di 80 posti letto, in maniera tale da costituire una struttura di maggiore ricettività.  L'unione di due o tre mini-strutture in una più grande, è al momento l’unica soluzione possibile per ovviare alla scellerata decisione del Governo Monti. L’intervento del Governatore Giuseppe Scopelliti, quale Commissario straordinario per l’emergenza sanitaria in Calabria,  in questo caso, dovrebbe essere determinante, per evitare oltretutto, il licenziamento dei lavoratori del settore Sanitario privato e i disagi non indifferenti alle persone che necessitano di assistenza sanitaria.