TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 20 settembre 2013

CURARSI IN CALABRIA E’ QUASI IMPOSSIBILE, C'E' SEMPRE LA PAURA DI MORIRE: Cose da matti!! Servono anni di attesa per poter prenotare una visita,... e la visita per quando sarà prenotata?

  
                         MANIFESTO "BEFFA" A CURA DELLA REGIONE CALABRIA

 Le conseguenze della mala sanità in Calabria, soprattutto per i meno abbienti e per gli ammalati gravi, sono veramente drammatiche. I primi; non potendosi permettere di sopportare il costo della trasferta in altri Ospedali pubblici d’Italia dove l’efficienza, l’efficacia e l’equità sono gli elementi fondamentali che li contraddistinguono, devono sperare nella buona sorte, affinché possano risolvere il problema di salute in altri modi, senza eccessive spese. I secondi; gli ammalati con patologie gravi, impossibilitati per le ovvie ragioni a spostarsi in altri centri Sanitari, sono costretti a estenuanti e umilianti attese per accedere alla terapia salva vita assegnata. Oppure, farsi assistere da strutture e sanitari privati, pagando di tasca propria gli oneri che il caso comporta.
I bla, bla, bla del Commissario Straordinario alla Sanità Giuseppe Scopelliti e i vergognosi spot pubblicitari autoreferenziali e capziosi, non risolvono certamente le necessità dell’utenza, anzi, peggiorano il già compromesso stato psico-fisico delle persone sofferenti che, alla vista delle ignobili gigantografie che esaltano con enfasi la Sanità Calabrese, fatte affiggere dal committente in ogni angolo di strada, non possono fare a meno di mandare i peggiori anatemi nei confronti di chi sperpera inutilmente il denaro pubblico, invece di migliorare il Servizio Sanitario Regionale.   
Come si può avere il coraggio di dichiarare che la Sanità Calabrese funziona, quando per un esame o una visita Neurologica presso gli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, paradossalmente, non è accettata neanche la prenotazione? “Provi a richiamare a Gennaio 2014 per la prenotazione, ..al momento non possiamo neanche accettare la richiesta”. Questa è la risposta data alle persone che intendono prenotare una visita.   
Governatore Giuseppe Scopelliti, con tutto rispetto per il Reparto in causa, sarebbe proprio il caso di esclamare a voce alta: cose da matti!!  Anche se, diciamocelo francamente, gli unici matti di questa inverosimile situazione sono i politici, si, proprio i politici che lei rappresenta in prima persona e che non sono ancora riusciti a comprendere il dramma che vivono i Calabresi quando sfortunatamente hanno la necessità di assistenza sanitaria.