TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

domenica 24 novembre 2013

IL GOVERNATORE SCOPELLITI CREA DISOCCUPAZIONE .. ALTRO CHE LAVORO!! Le imprese calabresi fuori gioco. I 700 Milioni di Euro necessari per la realizzazione dei nuovi ospedali andranno nelle mani d’Imprenditori forestieri.

  
                                Il nuovo ospedale di Vibo Valentia

   Altro che faccia di bronzo! Ci vuole tanto coraggio a presentarsi di fronte all’elettorato dichiarando che “ci vogliono due legislature per risolvere i problemi della Calabria”. Il comportamento del Governatore Giuseppe Scopelliti non appare per nulla chiaro e trasparente, tanto meno leale; soprattutto nei confronti delle Imprese calabresi, per le quali ha sempre dichiarato con enfasi la sua vicinanza e la sua disponibilità, affinché l’imprenditoria locale potesse risollevarsi dalla profonda e soffocante crisi.
 Auspicare ...“due legislature” era ovviamente un modo di dire, più che altro, volto al proprio interesse e non tanto a quello delle sorti della Calabria. Inconfutabile prova, è quella, dell’attuale vicenda che interessa la costruzione dei nuovi ospedali di Sibari, Vibo Valentia, Gioia Tauro e Catanzaro; per i quali, con una machiavellica strategia “borderline” è stata elaborata una procedura d’appalto, difficilmente agguantabile dalle Imprese calabresi.
Le notizie di cronaca divulgate nei giorni scorsi, da alcuni quotidiani, fanno notare strette relazioni tra la politica e l’imprenditoria (ovviamente non si parla di quella calabrese), tirando  in ballo come protagonista del piano strategico, l’ex Dirigente Generale dei lavori Pubblici Ing. Giovanni Laganà. Sembra sia stato lui, ovviamente con l’avallo del Governatore Scopelliti e dei suoi stretti collaboratori, l’artefice di tutto il meccanismo. Un meccanismo studiato nei minimi particolari che produrrà un mancato fatturato per le Imprese calabresi, quantificabile in 700 Milioni di Euro e di conseguenza una grave ripercussione per i disoccupati calabresi. Mentre, ha favorito com’è ormai noto a tutti, le Imprese concorrenti agli appalti che, sembra addirittura non abbiano percorso la strada della SUA (Stazione Unica Appaltante), seguendo un percorso alternativo meno complesso.
Concludendo: gira e rigira, come al solito il Governatore Giuseppe Scopelliti predica bene e razzola malissimo. Una vicenda veramente incredibile, degna di un copione cinematografico della serie:  I Fetentoni”.