TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 11 dicembre 2013

GLI ACQUEDOTTI DELLA CALABRIA NELLA MANI DI SCIACALLI: cosa fa il Governatore Giuseppe Scopelliti per evitare la distruzione delle opere acquedottistiche gestite dalla SO.RI.CAL ?



                               Acquedotto di Gallico - R.C.

   Non ha mai funzionato. Ancor prima che gli acquedotti della Calabria fossero consegnati nelle mani della Società Mista, si sapeva già la fine che avrebbero fatto le opere pubbliche trasferite alla SO.RI.CAL.…Ma, nonostante tutte le proteste, provenienti da più parti sociali, anche dalla stessa politica Regionale (Sergio Abramo, prima di essere nominato Presidente della SO.RI.CAL, scalciava contro “l’inutile carrozzone”), l’inestimabile patrimonio idrico fu ugualmente consegnato nelle mani d’incapaci e incompetenti lestofanti.
Così, fin dal primo giorno di privatizzazione gli acquedotti iniziarono a cambiare volto. La manutenzione ordinaria e tutti gli interventi programmati previsti per convenzione, non sono stati mai eseguiti, dando luogo a un graduale e inesorabile deterioramento degli acquedotti, al punto che, oggi, a distanza di quasi dieci anni, non si riconoscono più. I danni dovuti all’incuria si possono stimare in oltre cento (100) milioni di Euro. Se poi ci mettiamo tutti i milioni di Euro che la Regione Calabria, detentrice del 51% delle quote azionarie, ha dovuto sborsare per rifinanziare più volte la Società, non ci rimane che…piangere.
Una storia veramente triste, anzi, direi, drammatica, che vede come protagonista la SO.RI.CAL.  La Società che nonostante tutto, continua a gestire (per modo di dire) anche se commissariata, gli acquedotti Calabresi ex CASMEZ.  
Un avvenimento sconcertante che sta portando alla distruzione totale di un sistema acquedottistico di notevoli dimensioni, senza il quale, tutti i Comuni Calabresi resterebbero a secco.
La cosa più assurda e incomprensibile di questa vicenda, è l’indifferenza totale del Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti. Tutto sta avvenendo sotto gli occhi di tutti. Allora, la domanda sorge spontanea: cosa fa il Governatore Giuseppe Scopelliti per evitare la distruzione delle opere acquedottistiche gestite dalla SO.RI.CAL? Il Popolo Calabrese gradirebbe una risposta, per così dire: autorevole, oppure, Scopelliti è l’unico in Calabria a non vedere un …cazzo??