TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

martedì 25 febbraio 2014

Blitz interforze a palazzo San Giorgio: per il momento massimo riserbo degli inquirenti impegnati nell’indagine al Comune di Reggio Calabria, ma le sorprese potrebbero essere tante

  
   Sicuramente non mancheranno le sorprese. La triade Interforze formata da Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza, assomiglia nella forma a quella Commissariale, con la differenza che i tre Corpi di polizia giudiziaria in questo caso, hanno soltanto la funzione e le finalità repressive; poiché sono intervenuti per trovare le prove di presunti reati già verificatisi in violazione della legge penale, nel periodo antecedente al commissariamento.
Se è vero, com’è stato dichiarato nella relazione della Commissione d’Accesso, sulla scorta della quale è maturata la decisione assunta il 9 ottobre 2012 dal Consiglio dei Ministri che, su proposta dell'allora ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri, dispose all'unanimità lo scioglimento per contiguità mafiose del consiglio comunale di Reggio Calabria. All'epoca il sindaco era Demetrio Arena (Pdl), attualmente e “paradossalmente” oggi assessore regionale alle Attività produttive. Gli inquirenti, dovrebbero trovare, tra le carte sequestrate, le prove dell’allegra gestione amministrativa, condotta, come si dice, dai Sindaci pro tempore che hanno amministrato la Città, prima dell’avvento dei Commissari.  
Con l’ausilio della squadra interforze, sicuramente, la Magistratura riuscirà a mettere in luce molti aspetti oscuri e tutti i soggetti veramente responsabili del “disseto finanziario” del Comune di Reggio Calabria: “Diamo a Cesare quel che è di Cesare”.

Sarebbe veramente importante chiarire definitivamente come sono andate le cose. Una ventata di trasparenza darebbe alla Città lo slancio necessario per eleggere in futuro un’onorevole classe politica, degna veramente di rappresentare l’elettorato libero.