TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

mercoledì 5 marzo 2014

LA FINE DEL MONDO INIZIA DALLA CALABRIA: I CALABRESI SOFFOCATI DAI RIFIUTI E INTOSSICATI DALLA DIOSSINA NELL’INDIFFERENZA TOTALE DELLE ISTITUZIONI – oltre alle balle di spazzatura dobbiamo sopportare anche le “balle” del Governatore Giuseppe Scopelliti -

  

 Di questo passo moriremo soffocati dai nostri stessi rifiuti, ancor prima che dalle infezioni generate dalla fermentazione della spazzatura accumulata senza criterio e controllo su quasi tutto il territorio calabrese.
Stiamo oramai raggiungendo livelli di accumulo intollerabili e pregiudizievoli per l’incolumità pubblica. Non soltanto per la prolificazione batterica che a breve (con l’aumento della temperatura atmosferica) inizierà a produrre gravi patologie nei cittadini ma anche per i rischi elevati derivanti dagli incendi (ad opera di piromani) dei cumuli di rifiuti, i quali, sprigionano la diossina che è la sostanza di sintesi più tossica in assoluto (paragonabile alla neurotossina botulica e ai gas nervini).
Nessuna Istituzione accenna a qualsiasi intervento emergenziale per la tutela della salute pubblica. Si ha l’impressione che del drammatico problema non importa a nessuno, neanche ai responsabili per la salute pubblica (ASL), tanto meno alla politica regionale.  
Il 16 aprile del 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria la L.R. 12 aprile 2013, n. 18 “Cessazione dello stato di emergenza nel settore rifiuti. Disciplina transitoria delle competenze regionali e strumenti operativi”.
Il provvedimento fece seguito all’Ordinanza n. 57 del 14 marzo 2013  con cui il Capo dipartimento della Protezione Civile, dopo sedici anni di gestione commissariale, ha definito le modalità per il passaggio di consegne dal Commissario Delegato per l’emergenza rifiuti alla Regione, in merito alle iniziative di coordinamento del servizio rifiuti in Calabria. In particolare, l’art. 1 della L.R. 18/2013 definisce le modalità di gestione della fase di transizione dal regime emergenziale al regime ordinario, nelle more dell’applicazione della disciplina in materia di servizi pubblici locali di rilevanza economica di cui al D.L. 38/2011. 

Il Dipartimento Politiche per l’Ambiente, con il supporto di Invitalia (l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa) doveva predisporre un ulteriore progetto di legge per il riordino del servizio rifiuti. Purtroppo, a oggi, non si ha notizia di nessuna Legge Regionale in merito alla scottante problematica. L’unica cosa certa sono: le balle di rifiuti che sommergono gran parte della Calabria e quelle del Governatore Giuseppe Scopelliti.