TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

giovedì 17 luglio 2014

I VECCHI POLITICI ARROGANTI SONO IL MALE DELLA CALABRIA: FRANCESCO NUCARA, ESEMPIO DA EVITARE


                                                     Francesco Nucara

Molti vecchi politici sono andati fuori di testa e credono ancora di poter mettere le mani in pasta


       Pensierino della sera: “La politica è bella ma i vecchi politici fanno schifo!”
Ci sarebbe da scrivere all’infinito sul mondo della politica Italiana e, soprattutto di quella calabrese che si configura la peggiore.
Al cospetto della gente perbene, cioè, di quella parte di società che considera la maggior parte dei politici, dei buoni a nulla, tranne che a prendere in giro l’elettorato e a rubare quando capita l’occasione buona. Al cospetto di questa gente, della quale mi onoro di farne parte; gli atteggiamenti e i comportamenti dei politicanti attualmente in auge: vecchi, trombati, inquisiti e condannati compresi; nasce spontaneamente una considerazione interrogativa: quanto sono coglioni gli elettori?
La Sovranità Popolare, enfatizzata a volte, con qualche sporadico caso di “presa per il culo” camuffato da “primarie”, dove,  per esercitare il diritto di scelta di un candidato rispetto a un altro, bisogna addirittura pagare, rimpinguando così le casse del partito che le promuove.
La Sovranità Popolare non è più da tanto tempo riconosciuta ai cittadini, se non per soli pochi minuti. Quanti ne servono per entrare nel seggio elettorale ed esprimere la preferenza. Dopo, il Popolo Sovrano, diventa inconsciamente suddito. Suddito di chi detiene e/o ottiene il potere politico e quasi sempre con l’inganno.
Suddito di chi spesso, calpestando la dignità della società civile, si erige ancor prima di essere eletto a “capo dei capi”, cioè, a supremo della politica. In buona sostanza, a colui che può e deve condizionare la scelta dei candidati e le alleanze dei gruppi, nonché dei movimenti. Presentando, troppo spesso agli elettori, personaggi squallidi al posto di gente perbene
Leggendo un articolo di Andreana Illiano, pubblicato sul Quotidiano della Calabria, il 29 giugno 2014, mi sono soffermato ad analizzare un passaggio che cito integralmente: ”…ecco che si susseguono le prove di alleanze e accordi. Incontri e appelli. I repubblicani di Francesco Nucara, per esempio, pur piccoli, tendono la mano al CDU di Mario Tassone, tenendo bene in vista le elezioni regionali, ma non dimenticando quelle comunali di Reggio. “Dove di certo non candideremo Paolo Ferrara”, dice Francesco Nucara.
Non scandalizza più di tanto l’osservazione di Andreana Illiano che riporto ancora per meglio comprenderci: ”…ecco che si susseguono le prove di alleanze e accordi. Incontri e appelli. I repubblicani di Francesco Nucara, per esempio, pur piccoli, tendono la mano al CDU di Mario Tassone”. Sono ormai  note le “manovre” preelettorali che i vecchi e schifosi lestofanti politici hanno sempre adottato in occasioni di tornate elettorali.
Sconvolgente invece è la dichiarazione di Francesco Nucara che afferma di aver stabilito di non candidare Paolo Ferrara alla carica di Sindaco.
Se non lo avessi letto personalmente, non ci avrei mai creduto. Chi è Francesco Nucara che può decidere della candidatura degli altri? A quale titolo Francesco Nucara parla di candidature al comune di Reggio Calabria?
Mentre leggo e rileggo quanto dichiarato dal Signor Francesco Nucara, al fine di poter comprendere l’humus della sua dichiarazione, mi sovviene in mente un fatto e mi pongo  un’altra domanda:…ma Paolo Ferrara, non è quel simpaticissimo giovane che ha costituito il Movimento “Liberi di Ricominciare” che sta riscuotendo tanto successo e ammirazione in città, per le sue iniziative a difesa del cittadino? Perché il Signor Francesco Nucara, Segretario nazionale del quasi defunto Partito Repubblicano ha dichiarato durante un’intervista della giornalista Andreana Illiano, testuali parole: “Dove di certo non candideremo Paolo Ferrara”, riferendosi alle prossime elezioni comunali in città.
Vuoi vedere che Nucara fa parte di quella cricca di vecchi politici lestofanti che condizionano le scelte dei candidati?
Sarebbe veramente un fatto gravissimo!! Cioè, varrebbe a dire che: i Reggini non sono liberi di scegliere quando e come fare politica. Mentre la cosa più grave è quella che, se un giovane pulito, lontano un miglio da certi “affari”, con tanta voglia di dedicarsi anima e corpo alla sua Città, non potrebbe farla; perché un tizio, appartenente chissà a quale oscura organizzazione, sostiene pubblicamente di poter decidere della candidatura degli altri.
Se cosi non è, fatemi sapere.