TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 29 agosto 2014

Nuovo palazzo di giustizia: Demetrio Arena, ex sindaco di Reggio Calabria, come al solito da i numeri sbagliati

                                Costruendo palazzo di giustizia


In riferimento all’articolo pubblicato da Strill.it,  il 27 agosto u.s. - (Reggio, Palazzo di Giustizia. Arena: “Per il Governo, tocca alla Regione reperire 16 mln di euro”) – andrebbero fatte delle precisazioni di carattere contabile.

 Arena, in merito al fermo dei lavori del costruendo nuovo palazzo di giustizia, ha pubblicamente rilasciato un’intervista, dando dei numeri che, presi singolarmente sono buoni soltanto per giocarli al Lotto, mentre, se analizzati seguendo un ordine logico e cronologico, si può comprendere benissimo che i conti non tornano. 
Non bisogna essere ragionieri per comprendere le incongruità delle dichiarazione dell’ex Sindaco Arena. Il quale, non sapendo in questo periodo quale argomento tirare in ballo per portare acqua al suo mulino, fa una declaratoria storico-contabile, collegata alla realizzazione del palazzo di giustizia.
Senza entrare nel merito dei particolari politici e delle persone che non servirebbe a nulla. Soffermiamoci con attenzione sulla cronologia e sulle cifre dichiarate da Arena: 
      
           Il costo dell’opera, computato dai tecnici nel1994 è di 100 miliardi di Lire.
·         Nel 2003 il Governo stanziò 87 milioni di Euro, cioè, 168 miliardi di vecchie lire, 68 miliardi in più rispetto al costo stimato nel 1994. In buona sostanza, circa il 70% di lievitazione in soli nove anni.
·      Nel 2004 l’opera viene appaltata e nel 2005 iniziano i lavori, assegnati alla  Bentini Spa costruzioni di Faenza che, ha cinque anni di tempo per realizzare l’opera e consegnarla nel 2010.

·    Arena sostiene che dopo qualche tempo i lavori si dovettero fermare perché nacquero dei contenziosi che crearono una situazione di stasi: “Essendo al tempo sindaco della città - racconta Arena -  andai più volte a Roma per sbloccare la situazione perché il cantiere non poteva rimanere chiuso e, non vi nascondo, che in gioco entrarono una serie di conflitti tra i Lavori pubblici e il Ministero della Giustizia. Alla fine però, siamo riusciti ad ottenere l’approvazione della variante”.
·       
          Nel frattempo i costi hanno subito un’altra sensibile lievitazione di 5 milioni di Euro, ma, non disponendo il Comune della cifra, la Bentini Spa si ferma, lasciando lo stato dei lavori all’80%.
·        Arena continua la sua relazione, facendo sempre più confusione con le cifre, al punto tale che, non è più intelligibile il suo ragionamento. L’ex Sindaco dichiara che: “mancano 19 milioni di Euro a fronte dei 35 milioni (costo complessivo dell’opera), 3 milioni li mette la Presidenza del Consiglio dei Ministri e 16 milioni li deve reperire la Regione attraverso i fondi PAC”. Quindi, stando alle dichiarazioni di Arena, per ultimare l’opera servono ancora 19 milioni di euro. La domanda sorge spontanea: da dove saltano fuori i 35 milioni di Euro? E cosa centra il parcheggio finanziato dalla Regione con altri 20 milioni di Euro. Di norma, i costi dei parcheggi a servizio di uno stabile, vengono computati nel progetto esecutivo dell’intera opera. 
Concludendo, il nuovo palazzo di giustizia, intanto serve a far lievitare i costi, alla stessa maniera della diga sul Menta. Col rischio che rimanga un’altra incompiuta, mentre Arena, continua a dare i numeri.
…D'altronde, la politica è fatta di numeri anche se sbagliati e soprattutto di menzogne.