TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 24 ottobre 2014

Falcomatà dichiara di salvare la città con il programma di “Liberi di Ricominciare”


Emulato in tutto il progetto di Paolo Ferrara

Dice di risolvere i problemi della città riassumendo il tutto in quattro punti programmatici.
Sono le dichiarazioni di Giuseppe Falcomatà candidato a sindaco per lo schieramento di centrosinistra.
Sembrerebbe però che le idee di Falcomatà siano la perfetta copia di quelle di Paolo Ferrara, anzi, l’estrapolazione avulsa dal programma di “Liberi di Ricominciare”. Composto di quattordici pagine d’idee e programmazioni, volte alla risoluzione dei problemi che attanagliano la città di Reggio Calabria e che dovranno essere la base portante per costruire la Città Metropolitana. A tal proposito, è palese come Falcomatà abbia fatto sue le dichiarazioni di Paolo Ferrara, durante l’incontro di lunedì scorso nel rione Arghillà, dove, il candidato di “Liberi di Ricominciare” ha prospettato di riprendere il progetto dormiente negli uffici tecnici del comune, per la realizzazione della fiera. Guarda caso, solo dopo le dichiarazioni di Paolo Ferrara che, è l’unico dei candidati a sindaco a sapere dell’esistenza di un progetto dormiente che riguarda la realizzazione della fiera di Arghillà; il candidato del centrosinistra Giuseppe Falcomatà, parla dello stesso argomento, come se fosse una sua creatura.
Sicuramente il candidato a sindaco del centrosinistra Giuseppe Falcomatà, ritiene che non bastano le bugie di Matteo Renzi, per vincere le elezioni e prova a rafforzare la sua campagna elettorale copiando il programma di Paolo Ferrara.