TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 5 dicembre 2014

Non c’è un problema rifiuti a Reggio. C’è soltanto un grosso debito con la Regione che il comune non paga



Falcomatà e Zimbalatti non dicono la verità e accusano il loro creditore di non si capisce bene quale responsabilità.     


 Falcomatà e Zimbalatti con il loro bollettino politico dichiarano, in merito al disservizio RSU che, il Comune sta lavorando per risolvere il problema.
 E’ un bollettino molto vago che ovviamente non da nessuna garanzia ai cittadini e soprattutto ai titolari delle attività commerciali che, in questo periodo di festività Natalizie sperano di poter guadagnare qualche centinaio di euro in più per pagare la TARI, la TASI, e LA BOLLETTA DELL’ACQUA.
Si nota palesemente che il Sindaco Giuseppe Falcomatà e l’Assessore all’ambiente Nino Zimbalatti brancolano nel buio o meglio nell’immondizia.  ”Questa settimana – dicono – abbiamo continuato a conferire 350 tonnellate di rifiuti al giorno”, sembrerebbe quasi che fossero stati loro a trasportare il pattume in discarica.  “Speriamo di poter continuare con questi ritmi, - continuano a dichiarare - se la Regione ci autorizza, per poter ritornare alla normalità nel giro di due settimane”.
Mentono quando dicono che le responsabilità maggiori sono della Regione Calabria e continuano a mentire quando dichiarano che finiti i lavori di manutenzione dell’impianto di Sambatello, tutto tornerà alla normalità.
La Regione è l’Ente che disciplina le discariche e gli impianti d’incenerimento, alcuni di proprietà della stessa Regione Calabria, pertanto è anche l’Ente creditore delle somme inerenti alla tariffa di smaltimento che i comuni, compreso Reggio Calabria, devono alla Regione. Ma nonostante i vari solleciti di pagamento, ultimo in data 5/11/2014, protocollo SIAR N° 0349189, con il quale si sollecitano i comuni anche a effettuare la differenziata per come previsto dal Dlgs 152/2006, l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, nonostante incassi milioni di euro dalla TARI, non  paga a sua volta la tariffa alla Regione che, di conseguenza non può garantire il mantenimento in esercizio delle discariche e degli impianti d’incenerimento.
Se la precedente Amministrazione di centrodestra, mandata a casa per contiguità con la mafia, era costituita da lestofanti, alla luce dei fatti, la neo Amministrazione Falcomatà è costituita da bugiardi insolventi.