TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

giovedì 1 gennaio 2015

Il sindaco Giuseppe Falcomatà dice no ai “botti” di fine anno, mentre nessuno vigila sul rispetto dell’Ordinanza


Pochi cittadini hanno rispettato la Legge mentre i tutori della Legge non sono intervenuti per farla rispettare

   Si potrebbe definire quella del Sindaco Giuseppe Falcomatà “L’Ordinanza beffa” .
Non ci sono dubbi sull’inciviltà e sul mal costume che caratterizza molti “Riggitani”, ma questo orami è risaputo in tutto il Mondo. Il senso civico e il rispetto per gli altri non sono certo una virtù per molti abitanti di questa Città. Ma se da una parte ci stanno i “Riggitani”, quelli che della legge e del rispetto dei diritti  altrui se ne fregano, dall’altra parte ci stanno i Reggini che, vorrebbero che tutto funzionasse nel rispetto della Legge e della trasparenza assoluta, ovvero, che si comprendesse il principio giuridico posto alla base della civile convivenza  che recita: “La libertà di ognuno finisce dove inizia quella degli altri”. Principio che per un Sindaco laureato in Giurisprudenza e iscritto all’Albo degli Avvocati, non dovrebbe essere sconosciuto.
Emettere un’Ordinanza Sindacale per il solo fatto di paragonarsi agli altri Sindaci dei Comuni Italiani che l’hanno già emessa in passato (ma anche fatta rigidamente  rispettare)  o per sentirsi a posto con la propria coscienza, non credo sia un atto di grande capacità politica, visto il pessimo risultato, che ha tutto il sapore di una “beffa” nei confronti dei Cittadini che hanno condiviso l’Ordinanza, ma che certamente non hanno approvato la totale mancanza di effetti positivi in merito.
Fuochi pirotecnici, Bengala, Trik e Trak, Botti di petardi e anche di arma da fuoco, hanno illuminato la Città a giorno per oltre 30 minuti, mentre gli unici a intervenire in più parti della città sono stati i Vigili del Fuoco. Se l’ordinanza fosse stata rispettata e fatta rispettare, il Ministero degli Interni avrebbe risparmiato alcune migliaia di Euro, mentre i Pompieri in servizio la fredda notte di San Silvestro, avrebbero potuto festeggiare in caserma l’arrivo dell’anno nuovo, anziché domare fiamme innescate dai botti.
Amministrare una città come Reggio Calabria non è certo facile, ma non si può neanche pensare di farlo emettendo “Ordinanze Sindacali beffa” che sanno tanto di presa per il culo!!