TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

giovedì 5 marzo 2015

ATAM Reggio Calabria: dove vanno a finire i 43,800 Euro incassati quotidianamente con i parcheggi?


Nel Bilancio di Esercizio 2012 le somme incassate attraverso i parcheggi a pagamento (pizzo blu) risultano nettamente inferiori a quelle ipotizzate, calcolando che ci sono 3.650 stalli occupati per dodici ore al giorno.  

  Dovrebbe corrispondere attualmente a circa 43.800 (quarantremilaottocento) Euro l’importo che l’ATAM incassa giornalmente con i titoli venduti agli automobilisti per l’utilizzo dei parcheggi (in parte irregolari) a pagamento.
Nel Bilancio di Esercizio 2012 gli stalli destinati a parcheggi a pagamento gestiti dall’ATAM corrispondono a 3.650 che moltiplicati per 12, quante sono le ore (dalle 7,30 alle 19,30) in cui bisogna pagare un Euro per parcheggiare, sommano l’onorevole cifra di 43,800 Euro/giorno, che moltiplicati per una media di 24 giorni /mese, corrispondono alla considerevole cifra di Euro 1.051. 200 (oltre un milione) al mese. Considerando che i mesi in un anno sono dodici, il calcolo non è difficile: Euro 1.051.200, moltiplicato 12, il risultato corrisponde all’esorbitante cifra di: Euro 12.614.400, ovvero, quasi Tredici milioni di Euro.  A questo punto, cioè, dopo l’ipotesi analitica dell’incasso che potrà per ovvi motivi risultare rispetto alla simulazione, inferiore di qualche milione di Euro, ipotizziamo un incasso reale di undici Milioni di Euro/anno. Somma che non compare assolutamente nel Bilancio ATAM 2012, che riporta invece alla voce “vendita biglietti e abbonamenti sosta” l’importo totale di 1.690.463 Euro/anno.
Ovviamente si tratta di un’ipotesi economica di massima, sostenuta da un’analisi empirica, sviluppata utilizzando i dati forniti dalla stessa ATAM nel suo Bilancio di Esercizio anno 2012 approvato il 12 aprile 2013. Ma in ogni caso, la notevole differenza tra la somma ufficialmente dichiarata in Bilancio e quella ipotizzata dallo scrivente, appare eccessiva e per tanto lascia aperta l’ipotesi che, anche nel rendiconto economico ATAM come in quello dell’Ufficio Idrico Integrato del Comune di Reggio Calabria (finito in Procura  per il tramite del “Movimento Liberi di Ricominciare” che  sospetta il  reato di  “tentata truffa”), ci siano molte incongruenze che sarebbe opportuno verificare con molta attenzione.