TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

giovedì 2 aprile 2015

Bocciata dal Governo l’assunzione degli agenti di polizia in graduatoria



Bocciato dalla Camera l’invio alle scuole di formazione dei 672 Allievi Agenti della Polizia di Stato in graduatoria

   Incomprensibile e paradossale la decisione del Governo Renzi. Mentre in aula si discute di aumentare le pene per i reati di terrorismo e istituire controlli più rigidi, soprattutto alle frontiere e durante gli sbarchi degli immigrati, è stata respinta nella stessa seduta odierna la richiesta dell'opposizione, sostenuta fermamente anche da Ignazio La Russa, di assumere i 672 Allievi Agente di Polizia ancora in graduatoria.
La non assunzione degli Agenti di Polizia è veramente una scelta politica insensata.
Pur avendo il Governo Renzi preso, con un impegno ufficiale nella seduta n° 225 dell'8 aprile ­2014 al Senato, dichiarando che sarebbero state espletate le procedure per l'assunzione degli Allievi, oggi alla Camera è avvenuto l'esatto contrario, il Governo sostenuto da un nutrito gruppo della maggioranza ha espresso parere contrario.
Quello che sta succedendo sul fronte della sicurezza in Italia ha dell'incredibile. Molti presidi e commissariati di polizia sono stati chiusi, mentre quelli ancora aperti sono ridotti all'osso. Il tutto mentre i reati continuano ad aumentare quotidianamente: dai semplici scippi, alle rapine in grande stile e agli omicidi che da qualche tempo a questa parte si consumano quasi giornalmente.
Le questure centrali costrette a coprire l'intero territorio
Le questure centrali devono provvedere a coprire in molte città l'intero territorio, pur disponendo di pochi uomini e di pochi mezzi che spesso rimangono fermi perché guasti o addirittura perché non ci sono i soldi per pagare assicurazione e carburante. Scomparsi anche i poliziotti di quartiere e per quanto riguarda le pattuglie della polizia stradale, intervengono soltanto in caso d'incidente: repressione e prevenzione dei reati sono ormai diventati servizi di secondo ordine.
Le chiamate dei cittadini ai centralini del pronto intervento non sempre sortiscono il risultato desiderato, vista la grande mole di lavoro delle questure centrali, e gli agenti delle volanti in alcuni momenti intervengono su richiesta dei cittadini soltanto se il fatto riveste un livello di gravità significante. Per le scaramucce di condominio o litigi tra extracomunitari, non sempre la volante è disponibile a intervenire.
L'assunzione dei giovani agenti non può essere rimandata a oltranza
Servono "come il pane" e non può più essere procrastinato l'avviamento del corso di formazione dei 672 Allievi Agenti della Polizia di Stato. Soltanto a Milano nell'area della fiera in occasione dell'apertura di Expo 2015 servono trecento agenti di polizia H24. In ogni caso il corpo della Polizia di stato deve essere rimpinguato, poiché già da molti anni è sottodimensionato. A fronte di un consistente aumento della criminalità ordinaria e del pericolo costante dovuto alle minacce terroristiche, il Governo non può pensare di ridurre le spese riducendo la sicurezza e di questo Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi non può non tenerne conto.