TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

martedì 1 dicembre 2015

Castore e Pollùce: Bandi di assunzione?

                                            Castore e Pollùce
Lascia tutti di stucco la decisione dell’Amministrazione comunale di Reggio Calabria  

   Al momento sono soltanto notizie prive di fondamento (almeno me lo auguro) ma per quanto possano essere soltanto dicerie da bar, hanno suscitato nelle persone direttamente interessate non poche perplessità.
Le società in house Castore e Pollùce volute a tutti i costi dal Sindaco Giuseppe Falcomatà, avrebbero dovuto inglobare nell’organico prioritariamente tutti gli ex dipendenti di “Multiservizi” e “Leonia”, senza che questi partecipassero a un bando di selezione, cosa molto ovvia, vista la peculiarità dei lavoratori, i quali si sono trovati dall’oggi al domani senza lavoro, nonostante espletassero un servizio pubblico di primaria importanza per la Città.  
Vista la cocciutaggine del sindaco Giuseppe Falcomatà a non voler utilizzare la già esistente Società Re.G.E.S. per il collocamento degli ex lavoratori delle Società sciolte per infiltrazione mafiosa e insistendo energicamente per la costituzione di due nuove Società in House, appunto Castore e Pollùce che comportano ovviamente un notevole dispendio di denaro pubblico. Tutto lasciava presagire in maniera molto ragionevole, anzi, scontato, che tutti i lavoratori al momento disoccupati fossero automaticamente inseriti nell’organico delle neo Società in House. E qualora ci fosse stata la necessità di altro personale, l’Amministrazione comunale avrebbe potuto emanare un bando pubblico di assunzione.
Allo stato dei fatti sembra che le cose non stiano andando per il verso giusto, o almeno logico e ragionevole.
Castore e Pollùce assumeranno personale? Benissimo!! E’ una notizia che fa piacere credo a tutti, in questo particolare momento di crisi economica, un posto di lavoro è la massima aspirazione per chiunque non percepisce alcun reddito.  
Il problema sta nel fatto che se corrispondono a verità le dicerie per le quali anche gli ex lavoratori “Multiservizi” e “Leonia” dovranno partecipare al bando di assunzione per godere dei diritti acquisiti, o meglio, per sperare di riprendere a lavorare; la vicenda si tinge di giallo, configurandosi una grande presa per il culo di tutti quei lavoratori che hanno creduto nelle promesse del Sindaco Giuseppe Falcomatà, molti dei quali lo hanno anche sostenuto nella campagna elettorale.