TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

martedì 5 gennaio 2016

C’E’ FERMENTO NEL PIANETA POLITICANTI

Tutti insieme da Nord a Sud col capitano. Una bella idea per la Calabria 


  I politicanti in questo periodo si stanno organizzando per accaparrarsi le simpatie di chi ancora si reca alle urne per votare. Finita l’era dei tradizionali movimenti politici oramai tutti smascherati, alcuni vecchi marpioni della politica hanno pensato bene di ristrutturare le vecchie sigle politiche ormai in declino sostituendole con delle nuove, pensando di poter ancora prendere per il culo gli elettori.       
Non so cosa pensa il Popolo in merito a queste novelle, ma so molto bene qual é la mia opinione in merito.
Il termine “politicante”, benché non menzionato nel nostro ordinamento giuridico come offesa è per tanto  ancora lecito utilizzarlo. Significa l’agire di chi è stato eletto che non assolve la sua funzione pubblica improntandola al ben comune.
E’ sotto gli occhi di tutti il disastro che la mala-politica ha prodotto. Le facce di bronzo che in ogni caso dovrebbero vergognarsi per quello che hanno fatto, o meglio per quello che non hanno fatto, ci riprovano col vestito nuovo. Dimenticando o facendo finta di dimenticare che la faccia esce sempre a prescindere dal vestito che s’indossa.
Non sto ad annoverare le malefatte di questi ultimi dieci anni, sarebbe superfluo. Basta per tutte la posizione in classifica della città di Reggio Calabria che abbiamo guadagnato in questi ultimi giorni nelle graduatorie sulla qualità della vita.
Molti cittadini sono coscienti di aver votato in passato quelli sbagliati, ma ormai la frittata è fatta e non ci rimane per il momento che contestare e rivendicare i diritti con tutti i metodi leciti possibili. Abbiamo la necessità ancor prima della voglia, di vivere in una città normale e in uno Stato di diritto dove le regole democraticamente applicate producano benefici e non nocumento al territorio e alle persone.
Sappiano tutti coloro i quali ancora intenzionati a risalire sul pianeta politicanti che a nulla servirà cambiare il colore della facciata e rinominare il condominio, poiché i condomini sono sempre gli stessi e ben riconoscibili anche col vestitino nuovo.
Se eletti, continueranno a comportarsi alla stessa maniera: “il lupo perde il pelo ma non il vizio”. I politicanti anche se inneggiano bandiere diverse o nuove, sono tutti uguali: incompetenti, arroganti e ignoranti. Capaci soltanto di sfruttare i problemi sociali per accaparrarsi un posto ben remunerato in politica.
In questo momento così drammatico che stiamo vivendo nella nostra Città e in tutta la Nazione, oltre agli immigrati, ci mancava anche di doverci sorbire i vecchi politicanti vestiti di nuovo.

Diffidiamo di tutti questi personaggi che intendono la politica soltanto “affare” e diamo fiducia a chi la politica la intende missione incondizionata per il bene della collettività. Chi ha a cuore veramente le sorti della città e dell’Italia, mandi affanculo tutti quelli che ritentano la scalata con slogan demenziali e casacche nuove, nonostante abbiano la responsabilità di aver distrutto negli ultimi dieci anni, Comuni; Province; Regioni e Nazione.