TUTTI HANNO DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, CON LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE. LA STAMPA NON PUO' ESSERE SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONI O CENSURE (Art. 21 Cost.)

Libera nella rete i tuoi pensieri

Puoi utilizzare questo Blog per comunicare liberamente le tue opinioni. Manda il tuo articolo a: pieromarciano@gmail.com, sarà pubblicato integralmente.

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò

"Opinionando" By Pietro Vincenzo Marcianò
La grandezza di un uomo si misura dal coraggio che ha di dire la verità e non dalla capacità di nasconderla (P. V. Marcianò)

venerdì 30 settembre 2016

FRONTE NAZIONALE: SOLIDARIETA’ A SIMONE DESTEFANO (CP ROMA) ED ALLE PERSONE SFRATTATE DALLE LORO CASE

    

  Il FRONTE NAZIONALE e la  FEDERAZIONE PROVINCIALE di Reggio Calabria del FRONTE NAZIONALE, esprimono il proprio sdegno per l’arresto del dirigente di Casapound Simone DESTEFANO e di altri tre militanti, mentre cercavano di difendere due famiglie indigenti e con disabili a carico.
Uno scempio simile non si era visto con nessuna delle precedenti amministrazioni, per quanto orride fossero, e fa capire come i 5 stelle non siano la soluzione, ma i “figli” di questo modo di governare!!
In campagna elettorale la “sindaca” Raggi aveva promesso di risolvere le situazione delicate dei cittadini italiani in emergenza abitativa, ed in particolar modo delle due famiglie in questione.
Per le famiglie, da 30 anni ormai residenti in zona, la soluzione è stata dapprima sbattere una signora ultrasessantenne, diabetica e con disabilità motorie in un campo nomadi di periferia (ma non doveva farli cacciare?) e poi mandare l’altra famiglia di occupanti (composta da 4 persone di cui un bambino con disabilità e un cane utilizzato come pet-terapy) in un camping -sempre in periferia – dove però non c’era possibilità di alloggio. Il tutto condito dalle promesse dei funzionari del comune che avevano garantito una sistemazione congrua alle due famiglie. Promessa, chiaramente, disattesa.
A questo punto il vice-presidente di CasaPound, Simone Di Stefano, aveva deciso in accordo con le famiglie, di rioccupare le case di Via del Colosseo 73 e, dopo tante promesse vane, le due famiglie sono state definitivamente cacciate, buttate in mezzo ad una strada, 2 famiglie italiane buttate fuori dalle loro abitazioni, gettate a terra e ammanettate con una prepotenza inaudita e inaccettabile, la signora anziana portata in un ospizio, i ragazzini e la donna in una casa famiglia ed il cane portato in un canile malgrado la sua funzione terapeutica (sic).
Ribadendo quindi, la solidarietà a Simone DESTEFANO, a CASAPOUND ROMA ed alle famiglie sfrattate, non possiamo non chiederci come mai la “Signora” pentastellata RAGGI ed i suoi simili siano così “solerti” contro i cittadini italiani ma, come già fa questo governo, altrettanto solerti a dare alloggi e sistemazioni agli immigrati clandestini, sfrattando cittadini italiani come a Livorno (anche li sindaco pentastellato).
Non ci stancheremo mai di ripeterlo “PRIMA GLI ITALIANI INDIGENTI E BISOGNOSI” poi chiunque altro! Non siamo noi ITALIANI a dover pagare la scelleratezza E L’INGORDIGIA di certa gente ai posti di governo.

Ing. Vincenzo CIRO

Segretario Provinciale del FRONTE NAZIONALE sezione di Reggio Calabria